HomePatologie oculariPatologie oculari dalla A alla Z

Fotofobia: Sintomi, cause e cura della ipersensibilità alla luce

La fotofobia, o ipersensibilità alla luce, è un disagio agli occhi causato dalla luce.

Fonti come la luce solare, la luce fluorescente o quella incandescente possono creare disagio e necessità di strizzare o chiudere gli occhi. L’ipersensibilità alla luce può anche essere accompagnata da mal di testa.

Le persone che sono eccessivamente sensibili alla luce a volte sono infastidite solo da una luce molto intensa. In casi estremi, tuttavia, qualsiasi quantità di luce può causare irritazione.

Quali sono le cause della fotofobia?

La fotofobia non è una malattia degli occhi, ma un sintomo di molte patologie come infezioni o infiammazioni che possono irritare gli occhi.

L’eccesso di sensibilità alla luce può anche essere un sintomo di malattie che non sono direttamente collegate agli occhi, come malattie virali o forti mal di testa o emicrania..

Le persone con gli occhi chiari possono anche sperimentare una maggiore sensibilità alla luce in ambienti con un’intensa luce solare, perché gli occhi scuri contengono più pigmento per proteggere dalla luce intensa.

Altre cause comuni della fotofobia sono: l’abrasione corneale, le uveiti e i disturbi del sistema nervoso centrale come la meningite. La sensibilità alla luce è anche associata a distacco della retina, irritazione da lenti a contatto, scottature e chirurgia refrattiva.

La fotofobia spesso accompagna diverse condizioni come l’albinismo (carenza di pigmento oculare), un deficit totale di percezione del colore (si vedono solo le tonalità di grigio), il botulismo, la rabbia, l’avvelenamento da mercurio, la congiuntivite, la cheratite e l’irite.

Inoltre, alcuni farmaci da prescrizione, incluse tetracicline e altri antibiotici, possono causare sensibilità alla luce come effetto collaterale.

Trattamento della fotofobia

Il miglior modo per trattare la sensibilità alla luce è affrontare la causa sottostante. Una volta risolto o gestito il fattore scatenante, in molti casi la fotofobia scompare.

Se state assumendo un farmaco che provoca una ipersensibilità alla luce, chiedete al medico che ve l’ha prescritto se potete interromperne l’assunzione o di sostituirlo.

Se siete naturalmente eccessivamente sensibili alla luce, evitate la luce del sole o altre fonti di luce intensa. Quando siete all’aperto alla luce del giorno indossate cappelli a tesa larga e occhiali da sole con protezione dai raggi ultravioletti (UV) .

Inoltre, cercate di indossare occhiali con lenti fotocromatiche. Queste lenti si scuriscono automaticamente all’esterno e bloccano anche il 100% dei raggi solari UV.

Alla luce solare intensa indossate occhiali da sole polarizzati. Queste lenti forniscono una protezione extra contro i riflessi abbaglianti della luce provenienti da uno specchio d’acqua, dalla sabbia, dalla neve, dalle strade in cemento e da altre superfici riflettenti.

Se siete molto sensibili alla luce potreste anche prendere in considerazione la possibilità di indossare lenti a contatto prostetiche che hanno lo stesso colore dei vostri occhi e riducono la quantità di luce che penetra negli occhi per ridurre o prevenire la fotofobia.

Find Eye Doctor

Prenota un controllo visivo

Trova un Ottico