Home Patologie e disturbi visivi Patologie oculari e disturbi visivi dalla A alla Z

Cura del glaucoma: Farmaci, colliri e molto altro

Donna che usa il collirio per il trattamento del glaucoma

La maggior parte delle cure per il glaucoma ha lo scopo di ridurre o controllare la pressione intraoculare (IOP), che può danneggiare il nervo ottico che trasmette le informazioni visive al cervello.

Il collirio per il glaucoma spesso è la prima scelta rispetto alla terapia chirurgica e può essere molto efficace nel controllo della IOP. Se l’ottico ritiene che il collirio sia la soluzione migliore per voi, potrebbe prescrivervene più di un tipo per ottenere il miglior controllo della IOP.

Tipi di collirio anti-glaucoma

I colliri anti-glaucoma si classificano in base al principio attivo che contengono:

Prostaglandine

Questi colliri per il glaucoma spesso sono i più comodi per il soggetto che li utilizza perché si applicano solo una volta al giorno. Le prostaglandine generalmente agiscono rilassando i muscoli nella struttura oculare interna aumentando il deflusso dei fluidi e riducendo la pressione oculare.

Possibili effetti collaterali del collirio alla prostaglandina per il glaucoma sono irritazione e bruciore, cambiamento del colore degli occhi e allungamento e arricciatura delle ciglia.

Betabloccanti

Utilizzati in un’ampia varietà di colliri, i betabloccanti una volta erano la prima scelta nel trattamento del glaucoma. Questi farmaci agiscono riducendo la produzione di fluidi nell’occhio (umor acqueo) e ora sono spesso prescritti in aggiunta o in combinazione con le prostaglandine.

Questi colliri potrebbero ridurre la frequenza cardiaca e causare effetti collaterali in coloro che soffrono di problemi cardiaci, problemi polmonari (come enfisema), diabete, depressione o altre patologie. Per questi motivi, assicuratevi di discutere dettagliatamente la vostra anamnesi medica con l’ottico prima di usare i betabloccanti.

Agonisti alfa-adrenergici

Questi farmaci agiscono riducendo la produzione di umore acqueo e possono essere usati da soli o in combinazione con altri colliri anti-glaucoma.

Gli effetti collaterali comuni associati a questo tipo di collirio sono occhi arrossati e iniettati di sangue (iniezione oculare), sollevamento delle palpebre superiori, pupille dilatate e prurito.

Inibitori dell’anidrasi carbonica

Questi farmaci agiscono riducendo la produzione di umore acqueo. Sono generalmente usati in combinazione con altri colliri anti-glaucoma e non da soli. Questo tipo di farmaco è anche usato in forma orale (pillole). Gli effetti collaterali comuni riscontrati con colliri a base di inibitori dell’anidrasi carbonica (CAI) includono bruciore, sapore sgradevole in bocca, reazioni cutanee sulle palpebre e arrossamento oculare.

Circa la metà dei pazienti non tollerano i CAI orali a causa dei loro effetti collaterali sistemici come affaticamento, depressione, perdita di appetito, perdita di peso, perdita della libido, calcoli renali, sapore metallico in bocca e formicolio alle dita delle mani e dei piedi (neuropatie periferiche).

Parasimpatomimetici (colinergici)

Questi farmaci agiscono aumentando il deflusso di umore acqueo dagli occhi. Sono spesso usati per controllare l’IOP nel glaucoma ad angolo stretto. Questi colliri causano il restringimento della pupilla che aiuta ad aprire l’angolo stretto o bloccato dove avviene il drenaggio dell’umor acqueo.

Gli effetti collaterali comuni riscontrati con questi tipi di colliri comprendono dolore al sopracciglio, restringimento pupilla (miosi), bruciore e visione notturna ridotta.

Epinefrine

Le epinefrine hanno un doppio effetto sull’occhio. Questi farmaci agiscono riducendo la produzione di umore acqueo e aumentandone il deflusso dagli occhi.

Gli effetti collaterali comunemente riscontrati con questa classe di colliri comprendono depositi sulla membrana della superficie oculare (congiuntiva), ostruzione dei dotti lacrimali e palpitazioni cardiache con aumento della frequenza cardiaca.

Agenti iperosmotici

Questi farmaci sono generalmente destinati alle persone con un livello di IOP molto alto che deve essere ridotto immediatamente prima che sopraggiunga un danno permanente e irreversibile al nervo ottico. Gli agenti iperosmotici riducono l’IOP abbassando il volume dei fluidi nell’occhio.

Somministrati di solito una sola volta in caso di emergenza, questi farmaci comprendono glicerolo e isosorbide per via orale e mannitolo e urea per via endovenosa.

Combinazione di farmaci anti-glaucoma

Molte persone con glaucoma hanno bisogno di più di un tipo di farmaco per controllare la IOP. Per questo motivo, alcune aziende farmaceutiche oftalmiche hanno prodotto colliri combinati che possono comprendere due diversi farmaci anti-glaucoma nello stesso flacone.

Per comodità, gli oculisti potrebbero prescrivere farmaci combinati per abbassare la IOP. Generalmente, questi farmaci combinati hanno un effetto additivo nel ridurre la IOP.

Chiedete al vostro ottico

Con tutti questi tipi di farmaci anti-glaucoma disponibili, è importante consultare un ottico esperto nella cura del glaucoma per scegliere il tipo di farmaco migliore per le vostre particolari necessità.

Chiedete al vostro ottico di spiegarvi il tipo di farmaco anti-glaucoma che vi ha prescritto e perché questa cura è la migliore per voi.

Find Eye Doctor

Fissa un esame

Trova un Ottici