Home Patologie e disturbi visivi Patologie oculari e disturbi visivi dalla A alla Z

Occhi gialli: cause e cura

donna con gli occhi gialli

Gli occhi stanno assumendo una colorazione giallastra? L’ittero potrebbe essere una delle cause, così come l’assunzione eccessiva di alcuni farmaci o una serie di patologie, alcune delle quali molto gravi.

Questo articolo contiene le informazioni utili da sapere sugli occhi gialli e su cosa fare.

Quali sono le cause degli occhi gialli?

La sclera (la parte bianca dell’occhio) dovrebbe essere sempre di un bel colore bianco.Se questa parte dell’occhio è rossa o perde la sua colorazione (meno bianca), è necessario consultare un ottico per capire la causa di questo cambiamento di colore. 

Ingiallimento della congiuntiva

Una delle cause della decolorazione della parte anteriore dell’occhio è il cosiddetto ittero della congiuntiva, il termine medico per indicare l’ingiallimento degli occhi. (A volte, per descrivere l’occhio giallo, si utilizza anche il termine ittero sclerale ).

Ittero

In linea generale, gli occhi gialli sono un sintomo di ittero che consiste nella variazione di colore della pelle e degli occhi, dovuta a elevati livelli di un pigmento chiamato bilirubina. Nonostante l’ittero di per sé non sia una malattia, esso rappresenta il segnale che il fegato, la cistifellea e i dotti biliari non stanno funzionando correttamente.

L’ittero è piuttosto comune tra i neonati. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa il 60% dei bambini sviluppa l’ittero. I bambini prematuri sono particolarmente a rischio perché il fegato non è sufficientemente maturo per processare la bilirubina.

L’ittero è molto meno comune nei bambini più grandi e negli adulti. In questi casi si sospetta di solito che sia un segnale di patologie più gravi che richiedono l’intervento medico. Come nei neonati, il fegato è il primo organo da controllare quando bambini e adulti soffrono di ittero.

I casi lievi di ittero infantile di solito si risolvono da soli e solo un bambino su 20 necessita di un intervento. La cura standard per l’ittero moderato è la fototerapia in grado di ridurre i livelli di bilirubina consentendo una guarigione di solito rapida.

Nota: pur modificando il colore della parte bianca degli occhi, l’ittero non influisce sulla vista.

Patologie associate agli occhi gialli

Le patologie più comuni che possono causare gli occhi gialli includono:

  • Pancreatite acuta, o infezione del pancreas

  • Alcuni tumori, tra cui il tumore del fegato, del pancreas e della cistifellea

  • Anemia emolitica, una malattia del sangue congenita che si verifica quando il sangue non ha sufficienti globuli rossi sani

  • Malaria, un’infezione del sangue trasmessa dalle zanzare

  • Alcune malattie del sangue che influiscono sulla produzione e sul ciclo vitale dei globuli rossi, tra cui l’anemia falciforme

  • Rare malattie genetiche che alterano il modo in cui il fegato trasforma la bilirubina

Altre malattie e farmaci che possono causare gli occhi gialli:

  • Le malattie autoimmuni che aggrediscono il sistema immunitario dell’organismo. I virus dell’epatite A, B e C possono infettare le cellule epatiche causando epatite acuta (a breve termine) o cronica (a lungo termine) e gli occhi gialli.

  • L’ittero ostruttivo può verificarsi quando uno o più dotti che trasportano la bile dal fegato alla cistifellea, dove viene accumulata, si intasano a causa della formazione di calcoli. Se non è in grado di scorrere liberamente, la bile si accumula nel sangue. 

  • La cirrosi, uno stadio avanzato della fibrosi epatica, riduce la capacità del fegato di filtrare la bilirubina. La cirrosi è dovuta a numerose forme di malattie del fegato, tra cui l’epatite, la steatosi epatica non alcolica e l’alcolismo cronico, che possono causare gli occhi gialli.

  • Anche determinati farmaci, tra cui il paracetamolo da banco (se assunto in dosi eccessive) e i farmaci su prescrizione come la penicillina, i contraccettivi orali, la clorpromazina e gli steroidi anabolizzanti, possono causare gli occhi gialli.

La pinguecola: Non si tratta di occhi gialli, ma …

Altra patologia a volte associata agli occhi gialli è la pinguecola (plurale: pinguecole).

La pinguecola è un’escrescenza giallastra che può formarsi sopra il tessuto superficiale della sclera, rendendo giallognola quella parte dell’occhio.

Solo la parte colpita da pinguecola diventa gialla, mentre il resto dell’occhio rimane bianco.

Si pensa che la pinguecola sia causata da un’eccessiva esposizione ai raggi UV del sole. Se la pinguecola è di dimensioni importanti e risulta fastidiosa, è possibile eliminare chirurgicamente l’escrescenza giallognola.

VEDI GLI ARGOMENTI CORRELATI: Pinguecola (escrescenza oculare gialla): definizione, cause e rimozione

Cura degli occhi gialli

La cura degli occhi gialli si concentra sul trattamento della patologia sottostante.

Mentre gli occhi gialli possono essere il segno più visibile di determinate patologie, altri sintomi che accompagnano la variazione di colore degli occhi sono altrettanto importanti per determinare la natura del problema di salute sottostante.

Tra questi potrebbero esserci prurito alla pelle, sensazione di sazietà, affaticamento, febbre, feci pallide, urina scura, perdita di appetito, nausea e improvvisa perdita di peso.

La cura migliore per gli occhi gialli è determinata da una serie di esami, tra cui la misurazione del livello di bilirubina nel sangue, un emocromo completo e altri esami epatici.

I risultati dei test, accompagnati da un’analisi dei sintomi, dall’anamnesi medica, da un esame obiettivo e, possibilmente, da esami di diagnostica per immagini, consentono di determinare la diagnosi corretta.

Se la causa degli occhi gialli è un’infezione come l’epatite C o la malaria, il medico potrebbe prescrivere antibiotici o farmaci antimicotici o antivirali.

Se la diagnosi include tra le cause l’uso di alcol o di droghe, la guarigione inizierà interrompendo l’assunzione di tali sostanze.

Anche la dieta può avere un ruolo importante. Il fegato elabora e metabolizza la maggior parte delle sostanze nutritive digerite e fa più fatica quando gli alimenti assunti sono difficili da digerire, per esempio grandi quantità di zuccheri raffinati, sale e grassi saturi.

A chi soffre di ittero si consiglia di essere sempre ben idratati e di assumere più alimenti che fanno bene al fegato, come frutta e verdura, cibi integrali, proteine magre, noci e legumi.

Quando il fegato inizia a guarire con la cura, miglioreranno anche l’ittero e gli occhi gialli.

In alcuni casi potrebbe essere necessario intervenire chirurgicamente per correggere uno dei fattori che contribuiscono alla patologia, come il blocco dei dotti biliari.

Occhi gialli? Consultate un ottico

Se sospettate di avere gli occhi gialli, consultate un ottico immediatamente.

Dopo avere esaminato attentamente gli occhi, l’optometrista o l’oftalmologo potrebbe consigliarvi di consultare un internista o un altro specialista qualora sospetti la presenza di una patologia sottostante.

Gli occhi gialli non vanno ignorati. Se la causa sottostante è una malattia del fegato o un’altra patologia, sarà necessario ricevere una diagnosi e una cura tempestiva per prevenire gravi complicanze, tra cui il danno d’organo.

Find Eye Doctor

Fissa un esame

Trova un Ottici